Quanto conosci la tua città?

Morfologia

Avere i “monti alle spalle” offre sicuramente bellissimi scorci alla vista, ma certamente non aiuta l’ottimale deflusso delle acque piovane raccolte dai nostri torrenti.

L’accentuata acclività dei pendii (versanti ripidi) rende breve il percorso dei corsi d’acqua che, in caso di intense piogge, scaricano a valle l’acqua accumulata negli alvei in modo veloce e con elevata forza. A Genova, infatti, le piene dei torrenti si verificano in poche ore, mentre in città con fiumi, il cui percorso si sviluppa su zone pianeggianti o minimamente collinari, il passaggio della piena avviene dopo qualche giorno.

La posizione geografica del bacino ligure all’interno del Mediterraneo, inoltre, subisce i contrasti tra correnti d’aria provenienti dal mare con quelle provenienti da nord con conseguente pericoloso stazionamento dei temporali sul nostro territorio. Anche il frequente distaccamento di roccia e terra (frane, smottamenti…) sono dovute ai ripidi versanti che peggiorano il loro stato in caso di forti piogge.

Cementificazione

La prima vera cementificazione a Genova risale alla seconda metà dell’800, proseguita sino a pochi anni fa. Col tempo la città ha visto molti alvei – dei suoi 200 torrenti – restringersi per far posto a case, strade, ponti…o addirittura scomparire sotto le “tombinature”: ad oggi circa 90 torrenti sono coperti del tutto o in parte. Ciò ha reso sempre più difficoltoso il passaggio delle piene favorendo esondazioni (eventi alluvionali) in interi quartieri nelle parti basse della città.

Era anche la cura dei contadini – che coltivavano le fasce – a rendere più sicuro il territorio con la piantumazione e l’incanalazione delle acque piovane nelle “scoline”, evitando che l’acqua che scorreva in superficie durante le piogge si riversasse in modo diretto nelle zone abitate.

Zone boschive

Esauriti gli spazi disponibili nelle zone basse, si è costruito sempre più in alto, inseguendo i versanti dei monti. Tutte le zone urbane di Genova sono circondata da aree boschive a ridosso di case o infrastrutture e sono soggette ad incendi (i cosiddetti incendi di interfaccia).

Considerando queste fragilità, i rischi ambientali più importanti e probabili per Genova sono:  Alluvione – Frana – Incendio

Annunci